Libri

  • 'Ncalia ncalia

    'Ncalia ncalia

    'Ncalia ncalia
    sgravanu sti sciurtimienti
    ca virrinianu 'a crozza
    muzzicanu u piettu
    calianu u ciatu
    e sciurnichianu l'uocchi.

     

    Nel dormiveglia / sgravano questi assortimenti / che trivellano il cranio / mordono il petto / tostano il fiato / e fanno male agli occhi.

  • Milanisari

    Milanisari

    'Ssu titulu mu dèsi a usufruttu
    a cu' didicai stu libru
    e quagghiati dintra
    i palori avissiru a figghiari
    canzuna stracanciatizzi, bastardi
    Ma chi nicchinacchi!
    Siddu nun ci si adduta
    di spaddi larghi
    pilu nta vucca, panza
    e milli, milli pitazza
    pi cuntiniri 'a licenza
    di un giargianes - o tirruni -
    a nuddu futti cuòmu su'...
    Gnirrusi c'è cu' pensa e stramacina
    ca livoti patiènnu a strania
    u scuncièrtu sbummica
    minchiati di malancuni
    Macari...e nun sulu...
    Pi cunuòrtu o pi suppuntu
    binidica sacciu
    ca d'oggiall'annu a ogni annu
    pi assupparimi di caluri
    culura e midemma battaria
    scinnu a Agira...
    e nchiuiuti na menti
    'n facci a un muru vacanti
    i spicchiuliu a malapena...
    autru ca milanisari!


    Questo titolo me lo diede a uso frutto / colui al quale dedicai questo libro / e cagliate dentro / le parole dovrebbero figliare! / canzoni trasformate, bastarde. / Ma perchè mai! // Se non ci si dota / di spalle larghe / pelo sulla bocca, pancia / e mille, mille quaderni / per contenere la licenza / di un giargianes - o terrone - / a nessuno importa (lett. fotte) come son ... // Pretenziosi c'è chi pensa e rimugina / che alle volte patendo in terra estranea / lo sconcerto emana / spropositi (lett. minchiate) di malinconie. // Anche ... e non solo ...// Per conforto o per sostegno / benedica so / che da oggi all'anno a ogni anno / per inzupparmi di calore / colori e anche rumori / scendo ad Agira ... / e rinchiusi nella mente / davanti a un muro vacante / li rispecchio a malapena ... / altro che milaneserie!

  • A putìa

    a putia

    Nun cridu ò maluocchiu
    ma quannu mi sbalanzai
    ad accattari i mura dà putia
    nsammadiu!
    'na cuppata di sali ruossu
    u straminai maduna-maduna
    cà sarvu u tràficu di nittari 'n-terra...
    costa picca e nenti.


    Non credo al malocchio / ma quando mi sbilanciai / a comperare i muri della bottega / non sia mai Dio! / una cartocciata di sale grosso / io sparpagliai tra le mattonelle /Chè tranne l'incombenza di nettare in terra.../costa poco e niente

  • Assapurannu Silenzi

    Assapurannu Silenzi

    Quannu vi pari
    ca ciuciulìa
    scii...scii...
    attisàti l'aricchi
    e senza frastuornu
    ammuccuniativillu
    'nsanta paci
    ma parrannu parrannu
    scurdai zocch'iddu
    pritinnìa di mia.
    ( U silenziu)

    Quando vi pare / che sussurra /scii...sci.../
    tendete le orecchie /e senza timore /sorseggiatevelo /
    in santa pace /ma parlando in continuazione /
    scordai ciò che lui /pretendeva da me

  • Vientu d'autunnu

    vientu

    Arrizzannumi i carni 
    u malutiempu
    ò stizziari a chiantu
    cerna scunfuortu e pinsiera
    ca u vientu stramìna
    cuomo stiddi filanti
    n'o cielu griciu cupu
    Sciugghiennu passioni
    arricuogghiu
    sfrazza di lustru
    d'a ma cannila c'abbruscia
    e mentri u mieccu s'accurza
    vuolu tra i nuvuli
    annurvannumi di l'anni
    Sciusciannu contra n'arvulu
    ch'e surruschi
    e provulazzu contra n'arvulu
    u vientu d'autunnnu
    l'urtima papina scutòla
    ca 'mpinta ntallaria
    va vucannu fistalora
    cuomo 'na varca
    tra scumazziti rivugghiusi
    d'accurzari ò scaru...
    i strasciuni d'a vita mia.


    Accapponandomi le carni / il temporale / gocciolando a pianto / cerne sconforto ai pensieri / che il vento sparpaglia / come aquiloni / nel cielo grigio cupo. / Sciogliendo passioni / raccolgo / fasti di luce / dalla mia candela che arde / e mentre lo stoppino si accorcia / volo tra le nuvole / accecandomi con i bagliori / e la polvere degli anni. / Soffiando contro un albero / il vento d'autunno / scuote l'ultima foglia /che sospesa nell'aria / va vogando festaiuola / come una barca /tra spume rigogliose / di accorciare all'approdo.../ le stagioni della mia esistenza.

  • Rispichannu rikurdanzi

    Rispichannu rikurdanzi (THULE, Palermo, 1996)

    Rikordu...na matinata di nvernu
    u ventu xuxava...fori nivikava
    facia un friddu di arizzari i karni.
    Rikordu me nanna ka mi vistiu
    ku robi di lana...mi nkudduriau
    no so xallu niuru e iemmu fori.
    Iu ki ochi ammiccati di sonnu
    kuriusu e pistignusu ci dumannai:
    "Na, o Na, unni mi stai purtannu
    ki fu...zokku sta succidennu?"
    Idda mi fici na duci karizza
    e tuttu d'un xatu dissi frasturnata:
    Tanuzzu, o Tanuzzu...me xatuzzu
    vidi ka sta pi naxiri to fratuzzu!"
    E mi strincia forti forti nò so pettu
    tutta kassariata pa cuntintizza.
    Rikordu ka brazzai e ka vasai.
    Iu ku malankunia oj possu diri
    ka na lakrima di chiantu manifesta
    joria o duluri...ma iu stu rikordu
    sulu, supra me Nanna voghu aviri!
    E allura...allura ku stu pinsieri
    a modo miu a salutu pi sempri:
    "Na, Sabanadika" e dintra u me kori
    saccò ka du celu Idda mi rispunni:
    "Tanuzzu, o Tanuzzu...santu e rikku,
    me xatuzzu!".
    (Rikordu)

Back to Top